Skip to main content
  • Lo shop Bio più amato dalle famiglie
  • Lo shop Bio più amato dalle famiglie
  • Torna indietro

    By 27 Giugno 2015No Comments / Eco

    Picnic a impatto zero

    Condividi:

    Il picnic è solo all’apparenza un desueto rito di merenda sull’erba. Negli ultimi anni è tornato ad essere uno dei modi più conviviali per trascorre ore all’aria aperta in famiglia e con gli amici. E soprattutto con i bambini. La vera questione che si pone quando si sceglie di fare un déjeuner sur l’herbe è come salvaguardare l’ambiente naturale: piatti, posate, bicchieri di carta o plastica, sacchetti, contenitori usa e getta strabordano dal cestino del picnic e una volta consumato il cibo dove vanno a finire?

    Piatti-biodegradabili

    Anche se si è dei civili escursionisti o turisti in gita,  la quantità di rifiuti che si produce è sempre notevole. Per favorire uno smaltimento ad alto tasso di biodegradabilità, anche  il picnic può essere a impatto zero.

    Il mercato offre stoviglie per apparecchiare una tavola altamente eco-compatibile: prodotti realizzati con fibre estratte dal bambù, dalla canna da zucchero, resistenti al calore e che poso essere utilizzati anche a casa per breve periodo nel forno microonde.

    I piattini ed i bicchieri si degradano al 100% producendo compost, anidride carbonica ed acqua, così si smaltiscono con i rifiuti organici (l’umido). E questo è già il primo piccolo grande passo per abbandonare la plastica non riciclabile dei piatti e dei bicchieri tradizionali. Ovviamente in un picnic a impatto zero anche tovaglioli, carta da cucina e fazzoletti di carta sono frutto di riciclo e hanno possibilmente la certificazione FSC (Forest Stewardship Council) per il rispetto delle foreste: ciò significa materia prima proveniente da boschi gestiti nel rispetto degli standard ambientali, sociali ed economici.

    Completa il quadro un menu a base di prodotti alimentari biologici.

    120lit_1Finito il pranzo sull’erba, restano gli scarti e a questo punto scatta la fase della raccolta differenziata da fare rigorosamente con sacchetti in carta riciclata al 100% – conforme alle Norme UNI EN 13432, 13593 e alla normativa italiana – dove il rifiuto organico si degrada senza odori, liquami o rotture

    In questo modo non solo lasceremo un prato pulito, ma avremo anche salvaguardato il suo stesso futuro. E il nostro.